STAY COOL. BE SOCIAL.

giovedì 31 marzo 2016

‘Anything to say?’ Al fianco di Snowden, Assange e Manning al #ijf16, il Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia.



La scultura Anything to Say? a Monument to Courage sarà inaugurata lunedì 4
aprile alle h 15.00 a Perugia, in Piazza IV Novembre, e rimarrà in esposizione per tutta la durata del Festival Internazionale del Giornalismo, dal 6 al 10 aprile 2016.


L'installazione dell'artista Davide Dormino 'Anything To Say?' è una scultura di bronzo che ritrae a grandezza naturale le tre figure di Edward SnowdenJulian Assange e Chelsea Manning, che hanno avuto il coraggio di dire no all'intrusione della sorveglianza globale e alle bugie che portano alla guerra. La quarta sedia è vuota e serve per invitare il pubblico all'azione prendendo posizione simbolicamente al fianco delle tre figure.

La statua è in tour europeo: Berlino, Dresda, Ginevra, Strasburgo, e sarà per la prima volta in Italia a Perugia, in Piazza IV Novembre, per il Festival Internazionale del Giornalismo.
La discussione associata intitolata Da WikiLeaks a Snowden: proteggere le fonti nell’era della sorveglianza di massa si terrà venerdì 8 aprile con gli speaker Sarah HarrisonDavide DorminoJohn Goetz Stefania Maurizi.

Il lavoro è stato ispirato da Charles Glass, autore, giornalista e presentatore, e realizzato dall'artista Davide Dormino, che crede nel potere dell'arte pubblica.
«Ha il potere di maturare e far cambiare alle persone il proprio punto di vista. La sedia ha un doppio significato. Può essere comoda, ma può anche essere un piedistallo per salire più in alto, per avere una visione migliore, per imparare di più. Tutti loro hanno scelto di alzarsi sulle sedie del coraggio. Hanno fatto la loro mossa nonostante in questo modo diventassero visibili e quindi minacciati e giudicati. Alcuni pensano che sono dei traditori. La storia non ha mai avuto un'opinione positiva dei rivoluzionari contemporanei. Devi avere il coraggio di agire, di stare in piedi su quella sedia vuota, perché fa male.»


Il link al video Anything to say? a public art project for freedom: https://vimeo.com/108788303

Evento organizzato in collaborazione con Comune di Perugia

BANDO PRINCIPI ATTIVI Contemporary Choreography Contest. Deadline > 24 aprile 2016


BANDO PRINCIPI ATTIVI
Contemporary Choreography Contest
30 aprile | Spazio MIL | Sesto San Giovanni – Milano

Assegna premi e residenze creative a danzatori 
al fine di promuovere e sostenere la giovane Danza Contemporanea d’Autore
Scadenza 24 aprile 2016

Il principio attivo indica una sostanza da cui dipende un’azione curativa, agisce in piccole quantità e per somministrarlo è necessario racchiuderlo in una forma, ad esempio una pillola, alla quale si aggiungono degli eccipienti necessari a proteggere l’azione.
Prendendo spunto dalla medicina per arrivare alla danza contemporanea, il progetto PRINCIPI ATTIVI | Contemporary Choreography  Contest è attivatore di processi creativi per promuovere, far crescere e tutelare il lavoro artistico dei giovani danzatori e mira a creare contatti con contenitori che accolgano il processo creativo: compagnie e realtà artistiche che mettano a disposizione uno spazio di lavoro per una residenza creativa garantendo lo scambio e l’incontro con persone di riferimento competenti  ed esperte.
È questo il “senso di cura” e attenzione che il progetto Principi attivi vuole offrire alla danza contemporanea e per realizzare questo obiettivo, crea momenti di presentazione pubblica del lavoro degli artisti mettendo in connessione arte e territorio.
Un progetto per promuovere la ricerca e sostenere il talento di giovani artisti offrendo residenze creative per la realizzazione di lavori di danza contemporanea in Italia e Francia e, per il più meritevole, un contratto di co-produzione con la compagnia internazionale Déjà Donné. Inoltre, la possibilità̀ di realizzare e presentare il proprio lavoro al pubblico, nell’ambito di uno showcase dedicato.

II Contest si terrà il 30 aprile 2016, ed è rivolto ad artisti maggiorenni. Ogni partecipante potrà presentare una sola coreografia. Sono accettati unicamente “assoli”.
Per partecipare alla selezione è necessario inviare, entro il 24 aprile, il link ad un video della  durata di massimo 1 minuto e 30 secondi, che rappresenti al meglio capacità e potenzialità dell’artista. È necessario attenersi al regolamento scaricabile sul sito. Saranno selezionati da una giuria scelta, 25 artisti ai quali sarà offerta la possibilità di partecipare al contest. L’esecuzione delle performance selezionate avverrà su un ​dj set di musica elettronica della durata esatta di 3 minuti (180 sec).

Premi
Primo premio: un contratto di co-produzione con la compagnia Déjà Donné in stagione 2016-17 + residenza artistica presso il Centro Culturale spazio Mil> Carroponte a Sesto San Giovanni (Milano) + residenza artistica presso Cie Divergences in Francia.
Secondo premio: Residenza artistica per due artisti presso Centro Culturale spazio Mil> Carroponte a Sesto San Giovanni (Milano).   

Agli artisti vincitori sarà offerta la possibilità di presentare il proprio lavoro durante lo  SHOWCASE al Centro Culturale Spazio MIL>Carroponte durante la terza edizione del festival Pillole, sommnistrazioni di danza d’autore 2017 all’interno del quale sarà programmato il lavoro coreografico della compagnia francese che ospiterà in residenza il primo classificato.  Il partner francese sarà ospitato in Residenza Artistica presso Centro Culturale spazio Mil> Carroponte in un’ottica di scambio e collaborazione.
Durante il periodo di residenza al Centro Culturale spazio Mil>Carroponte a Sesto San Giovanni (Milano) potranno essere organizzati momenti di “prove aperte”, presentazioni e incontri con il pubblico (scuole, cittadini, gruppi) in un’ottica di divulgazione e diffusione de linguaggi della danza contemporanea. La durata delle Residenze Artistiche sarà̀ da un minimo di 10 ad un massimo di 15 giorni da definire con i soggetti interessati. Il periodo è da calendarizzare tra ottobre 2016 e marzo 2017. Durante il periodo di lavoro sarà offerta la possibilità di una consulenza gratuita artistica e tecnica a cura di professionisti del settore.



In collaborazione con Centro Culturale spazio Mil> Carroponte, Archivio Giovanni Sacchi, Comune di Sesto San Giovanni
Partner Déjà Donné (IT), Monpellier Danse (FR), Cie Le Grand Jeté (FR).
In network con Institut Français, Cie Divergences (FR).

Young at Art. BasiCally. Selezionati i 10 artisti dell’edizione 2016 per il progetto espositivo itinerante indetto dal MACA (Museo Arte Contemporanea Acri).


Debora De Bartolo, Hawthorne
Giunto alla sua quinta edizione, il progetto espositivo itinerante Young at Art, indetto dal MACA (Museo Arte Contemporanea Acri) e dall’associazione culturale Oesum Led Icima, che ne cura e promuove le mostre e le iniziative culturali, ha aperto le proprie selezioni, oltre che agli artisti Under 35 nati in Calabria, anche a quelli originari della Basilicata, con la convinzione che le due regioni siano accomunate da una grande fecondità creativa e una ricchezza culturale antica capace di tradursi in pratiche artistiche estremamente attuali e affascinanti. Per questo, l’edizione 2016 di Young at Art gode dell’importante partnership di ReBAC (Rete Basilicata Arte Contemporanea).

BasiCally, il titolo scelto per l’edizione 2016 di Young at Art, oltre a essere una crasi dei nomi delle due regioni, è un avverbio inglese il cui significato, “fondamentalmente, essenzialmente”, richiama l’attenzione a quell’essenza intangibile, ma chiaramente percepibile, che accomuna il territorio calabrese a quello lucano, entrambi rigogliosi e variegati, come la produzione essenzialmente artistica che scaturisce da essi.

I dieci artisti selezionati, con la varietà dei linguaggi espressivi attraverso i quali esprimono la loro creatività, sono la testimonianza viva e pulsante della fertilità artistica di queste due regioni dal passato culturale antico.

Artisti Young at Art 2016:

Ettore Basentini – Pittura/Scultura/Installazione

Marta Cerminara – Pittura/Fiber Art

Francesco Cristiano – Fotografia

Debora De Bartolo – Fotografia

Annamaria Di Lecce – Scultura

Valentina Ferrandes – Videoarte

Roberto Gentili – Illustrazione

Antonella Malvasi – Pittura

Adua Martina Rosarno – Pittura

Francesco Speciale – Scultura/Installazione

Roberto Gentili, Leggerezze

Marta Cerminara, I luoghi dell'anima

Adua Martina Rosarno, Pensieri DisTesi


Le opere dei dieci artisti verranno esposte in una prima mostra, che si terrà negli spazi del MACA, a partire da sabato 16 aprile 2016 e, successivamente, in almeno altre due mostre, che si terranno lungo il 2016, rispettivamente a Matera e a Torino.



Ufficio stampa MACA
Te. 011 9422568 – 347 7975704



mercoledì 30 marzo 2016

Celeste Prize 2016. Aperte le iscrizioni all'VIII Edizione.



NEWS: Sono aperte le iscrizioni al Celeste Prize 2016 con molte novità!

L’ottava edizione è più ricca di sempre, saranno assegnati 23.000 € di premi e selezionati ben 53 finalisti.
La location scelta per la mostra finale di quest’anno è Bargehouse, OXO Tower Wharf, Londra.

Celeste Prize è il premio internazionale di arte contemporanea alla ricerca di talenti emergenti e mid-career:

La data di scadenza per aderire con un’opera è il 30 giugno 2016.

La giuria:
Ellen Blumenstein, direttrice del KW Institute for Contemporary Art, Berlino, presiede la super giuria di critici e curatori che selezioneranno i finalisti:
Juliana Bardolim, autrice, critica, Mosca
Moritz Wesseler, direttore del Kölnischen Kunstverein, Colonia
Chiara Ianeselli, curatrice indipendente, Italia
Marc Bembekoff, direttore, La Halle des bouchers, Vienne
Chris Fitzpatrick, direttore del Kunstverein, Monaco
Felix Hoffmann, curatore del C/O Berlin Foundation, Berlino
Marianna Liosi, curatrice, Italia
Barbara Piwowarska, curatrice indipendente, Varsavia
Alya Sebti, curatrice indipendente, Morocco
Sandro Droschl, direttore Künstlerhaus Graz, Austria
Zane Onckule, direttrice, kim? Contemporary Art Centre, Riga

I premi saranno assegnati in base ai risultati della votazione dei 53 finalisti che durante l’opening della mostra finale a Londra, il 7 ottobre, esprimeranno le loro preferenze. 

23.000 € premi in denaro
Premio Progetto 4.000 €
Premio Pittura & Disegno 4.000 €
Premio Fotografia & Grafica Digitale 4.000 €
Premio Video & Animazione 4.000 €
Premio Installazione, Scultura & Performance 4.000 €
NEW  Premio Super-Young 3.000 € (premio dedicato agli under 26)

Quota di adesione:
50 € per un'opera
90 € per un progetto (fino a 10 opere)
30 € per un'opera, under-26 in Super-Young

Partecipa dalla tua pagina personale su Celeste Network:
http://www.premioceleste.it/ita_auth_login/


Celeste Prize 2016 è un’iniziativa di Celeste Network:
tel. +39 0577 1521988

martedì 29 marzo 2016

Bando di concorso “Contaminazioni identitarie”. Deadline: 2 aprile 2016

Bando di concorso “Contaminazioni identitarie”

Le iscrizioni sono aperte fino al 2 aprile 2016
inviare documentazione a circuiti.arte@gmail.com

Per il vincitore sarà previsto come premio una mostra personale gratuita presso il ns spazio.
1 – Tematica
Circuiti Dinamici indice il concorso “Contaminazioni identitarie” per la nuova stagione 2016 che si terrà dal 18 aprile al 7 maggio 2016 presso i nostri spazi in via Giovanola 19 – 21/c Milano.
Contaminazioni identitarie
L'identità è solitamente indicata come il senso e la consapevolezza di sé, entità distinta dalle altre e continua nel tempo, mentre la "contaminazione" è all'opposto la fusione e la mescolanza di elementi tratti da diverse identità, da cui ne risulterà una configurazione nuova e ridefinita. L'universo umano è caratterizzato da contaminazioni: culturali, linguistiche, di identità ed educative. In questo scenario la nostra identità è in continuo confronto con differenti culture e ruoli sociali che cambiano e trasformano costantemente il proprio io. Il concorso ha l'obiettivo di indagare l'identità e la contaminazione che subisce il nostro io nella società contemporanea caratterizzata da corpi/identità fluide, trasformate, elaborate, in cui i ruoli si incrociano e si scambiano continuamente.

Il concorso è aperto a tutti gli artisti operanti nel campo delle arti visive – pittura, fotografia, scultura, video, performance, poesia – senza limiti d'età. Ogni artista potrà proporre massimo 3 opere che verranno valutate dal comitato scientifico dell’Associazione Circuiti Dinamici, il quale selezionerà gli artisti partecipanti e il numero di opere da esporre. Le selezioni sono inappellabili e insindacabili. La comunicazione ufficiale delle opere selezionate avverrà a mezzo mail ai candidati selezionati.
Tutte le opere selezionate per la mostra collettiva saranno incluse in un catalogo con testo critico introduttivo.

2 – caratteristiche delle opere:
a) Le opere a parete (quadri, grafiche, fotografie, fumetto, illustrazione) non devono superare gli 80 cm. di larghezza e i 2 mt. di altezza.
b) Opere tridimensionali (scultura, installazione): dovranno occupare uno spazio massimo di 1 mt. base x1 mt. h x1 mt. profondità.
c) I video devono avere la durata massima di 3 minuti (compresi eventuali titoli e titoli di coda). I video dovranno giungere esclusivamente su cd/dvd. Non saranno accettate videocassette DV, VHS analogiche e Video8.
d) Le performance devono avere una durata massima di 10 minuti. Eventuale materiale scenico e audio è a carico dell’artista. Circuiti Dinamici non procurerà materiale per la performance,
e) Poesia: inviare da tre a cinque composizioni inedite, ciascuna non superiore a 40 versi in formato .Doc.
Le opere proposte non devono contenere messaggi anche indirettamente pubblicitari né immigini e/o parole offensive o discriminanti. La documentazione pervenuta non sarà restituita, ma trattenuta dagli organizzatori.

3 – Termini e modalità di partecipazione
La partecipazione alla selezione è gratuita.
Il costo di partecipazione alla mostra, solo per gli artisti selezionati, è di 51 euro per artista, di cui 26 euro per l’organizzazione della mostra, il catalogo (stampa-grafico) e 25 per il tesseramento all’Associazione.
Per gli artisti già tesserati la quota di partecipazione è di 35 euro.
La tessera ha validità un anno da quando si è sottoscritta.

4 -Le iscrizioni sono aperte fino al 31 marzo 2016. 
 
5- Consegna documentazione:
Inviare la documentazione a: circuiti.arte@gmail.com con i seguenti allegati:
- curriculum vitae: incluso di nome, cognome, data di nascita, residenza, cellulare ed e-mail.
-immagini .JPG delle opere (alta risoluzione per stampa - 300 dpi), con didascalia dell’immagine (nome,cognome, titolo, misure, tecnica)
- breve testo esplicativo sull’opera presentata (max 10 righe).

6 – Premio
L’artista vincitore del concorso (essendo la finalità la promozione), scelto dalla giuria, avrà come premio un’ulteriore mostra personale e gratuita presso il ns spazio, la quale sarà calendarizzata successivamente. Il giorno dell’inaugurazione verrà proclamato il vincitore.

7 – Trasporto
Gli artisti in caso di selezione per la collettiva dovranno provvedere alle spese per il trasporto (andata e ritorno, comprese le spese di imballaggio e reimballaggio) delle proprie opere, e se lo ritengano opportuno, la loro assicurazione per il periodo di trasporto e mostra, fino alla riconsegna all’artista proprietario.

8 – Dichiarazione e Accettazione
I partecipanti alla mostra collettiva dichiarano, la loro titolarità esclusiva dell’opera, con riguardo sia al diritto di autore sia al diritto di sfruttamento economico e pertanto, non esiste alcun diritto di privativa da parte di terzi su di essa. Gli organizzatori sono, quindi, esonerati da ogni responsabilità per eventuali contestazioni circa l’originalità e la paternità dell’opera e da eventuali imitazioni o copie da parte di terzi dell’opera stessa. L’artista dichiara, inoltre, di concedere i diritti di riproduzione delle immagini delle opere e della documentazione rilasciate che serviranno per pubblicizzare il sito internet e tutti gli eventi connessi all’iniziativa, e qualsiasi altra forma di comunicazione. Per quanto sopra detto i dati personali, le immagini delle opere del concorso e/o altre opere inserite nel sito, durante un evento, per promuovere gli artisti e se stessa, o in altri eventi di arte contemporanea, nella promozione su web, comunicazione o marketing, potranno essere utilizzati senza dover necessariamente richiedere il consenso delle parti o pagare i diritti. L’artista partecipante dichiara di aver letto attentamente il presente Regolamento e di accettarlo in tutti i suoi punti. Circuiti Dinamici sarà libera di riprodurre le opere partecipanti per la pubblicazione/promozione degli artisti in mostra e per la collettiva sui social, catalogo, volantini, locandine.

9 – Responsabilità

Circuti Dinamici – pur assicurando la massima cura e custodia delle opere pervenute per le mostre collettiva e personale – declina ogni responsabilità per eventuali furti, incendi o danni di qualsiasi natura, che dovessero verificarsi alle opere durante il periodo in cui rimangono in consegna e durante tutte le fasi della manifestazione. Ogni eventuale assicurazione è a cura e spese dell’artista medesimo.

10 – Autorizzazione al trattamento dei dati personali
Il candidato autorizza espressamente l’Associazione Circuiti Dinamici, nonché i loro diretti delegati, a trattare i dati personali dell’artista partecipante ai sensi della legge 675/96 (“legge sulla Privacy”) e successive modifiche D.lgs. 196/2003 (Codice Privacy), anche ai fini dell’inserimento in banche dati gestite da Circuiti Dinamici e partners organizzativi.
Per qualsiasi informazione scriveteci alla seguente mail: circuiti.arte@gmail.com



Associazione Circuiti Dinamici
Via A. Giovanola 21/C
20142 - Milano
Tel. 3397908472

BURNING ROME. Serata live ad aprile per la metal band torinese che presenta il nuovo album “THE NEW ERA BEGINS”.

Tutto è pronto per il “Burning Rome Release Party”, la serata live che si terrà il 1 aprile 2016 presso Officine Sonore di Vercelli e che vedrà protagonista la metal band torinese per il lancio del loro nuovo album ““THE NEW ERA BEGINS”, sotto l'etichetta UNDERGROUND SYMPHONY, prodotto dalla Snooky Records Studio di Marzio Francone.

I Burning Rome sono Jago (voce), LuKo (chitarra solista), Six (chitarra solista), Nic13 (basso) e Mr. Z  (batteria).
Sin dagli esordi, risalenti al lontano 2010, il loro intento è sempre stato quello di raccogliere e mescolare differenti approcci musicali e proporre un alternative metal caratterizzato da una amalgama musicale potente, diretta ed immediata, con cantati che si alternano tra estrema violenza e struggente melodia.

La loro musica è graffiante e ruvida, molto lontana dalla tradizione italiana, con una possente base ritmica ma sempre in grado di aprirsi per regalare momenti melodici all'ascoltatore.
SOAD, Scars on Broadway, Alice in Chains, Foo Fighters, Journey, Stone Sour e Papa Roach caratterizzano le loro più profonde influenze e radici musicali.

L’album, in uscita in formato digipak delux, è un concentrato di sonorità care ai fan di Savatage, Paradise lost, Anathema ma anche di Korn, SOAD, Journey.
Tutta la parte grafica dell’album, la cover e la tracklist di “Burning Rome”, è opera del Visual Artist GARJAN ATWOOD, manager della band e fondatore della Bathory Project, officina creativa dedicata alla musica dell’infinity Agency.


01. In Hoc Signo Vinces
02. Silence And Me
03. Lonely Boy
04. Never Never
05. The Art Of Bleeding
06. Into Shadows
07. Who Do You Think We Are
08. The Second Wave
09. The Same Old Story
10. Gravity
11. This Is The Place




***



BURNING ROME :::: RELEASE PARTY
FRIDAY APRIL 1st 2016
AT OFFICINE SONORE
Via Caduti sul Lavoro, 14, 13100 Vercelli

+ Hellbound (Opening Act)
+ DJ Set

>>>>> DOORS OPEN at 8 PM <<<<<
FREE ENTRY!!!

***



April confirmed live tour dates
01 - Officine Sonore - Vercelli (IT)
04 - Radio Ohm - Torino (IT)
09 - Circolo Colony - Brescia (IT)
12 - Dudok - Tilburg (NL)

The New Era Begins...

www.burning-rome.com

 
 


Seguite i Burning Rome sui profili social...




Allo Studio Barnum contemporary di Noto, la mostra "E R O I F E R I T I" dell'artista romano Massimiliano Frumenti Savasta, a cura di Vincenzo Medica.

E R O I    F E R I T I. Questo il titolo del ciclo di opere di grande formato e non solo che l'artista romano Massimiliano Frumenti Savasta, presenta per la prima volta in esclusiva allo Studio Barnum contemporary, nel centro storico di Noto.

Gli Eroi, per Massimiliano, sono gli abitanti del pianeta che continuano ad attraversare l'esistenza offrendosi agli altri senza perdere la loro profonda umanità e traducendo le avversità in occasioni per andare oltre i limiti terreni e apportando Bellezza...

La ricerca dell'artista classe 1966, è stata sempre caratterizzata da un interesse primario per l'uomo e questo ciclo di lavori inediti hanno il valore aggiunto di essere stati realizzati nella città di Noto dove già Massimiliano Frumenti Savasta aveva presentato una grande installazione ambientale all'interno della G.A.M. ex Convitto Ragusa curata dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Noto.

dal 26 marzo al 10 aprile 2016 a Noto,

via silvio spaventa 4

ingresso libero
info 347 6390763

a cura di Vincenzo Medica
.....................................................................................
 
BIOGRAFIA

Massimiliano Frumenti Savasta
Roma 12-12-66
vive e lavora tra Roma e Latina.

La sua prima mostra personale si svolge nel 1987 presso la galleria Primo piano di Roma con testo critico curato dallo scrittore Dario Bellezza.Ha all’attivo diverse personali e le sue opere sono presenti in diverse collezioni private in Europa.Inoltre presente nella scuderia di Picasso mio Madrid(galleria privata)Compare tra i fondatori della biennale d’arte contemporanea di Port’Ercole Forte Stella.Si occupa anche di installazioni site specific per il teatro e la danza.Hanno scritto di lui:Luca Nicolai ,Mario Maiorino,Elio Mercuri.Antonio Veneziani,Ottavio Gintoli(La Sicilia) ,Rodolfo di Gianmarco, Antonio Veneziani(Intervista a Massimiliano Frumenti per l’edizioni la porta nella collana colloqui d’arte),Fabio D'Achille,Francesca del Grande(Latina oggi),Alessandro Panigutti….

Collabora con:Galleria Mucciaccia Roma.NOWHERE GALLERY di Orio Vergani Milano,Lift Gallery Roma,Ideas des artistes Parigi,ARTE Y NATURALEZA Madrid .Teatro Sala 1 Roma,BABATEATRH Roma,Compagnia Il Balletto di Spoleto,Compagnia Pina Bausch per il Teatro Argentina.Produzione”OH Dido”.Con i registi Mario Mattolini,Riccardo de torre bruna,Sharou Keradman,Hossein Taheri...

Collezioni Private:Collezione Borgese-collezione Lacchei-Collezione D’Onofrio-C0llezione Keradman-Collezione Veneziani-Collezione Porta-Collezione Pierucci-Collezione Paco Cano,Collezione Aourdui--Collezione D’Oleac...

 

Il Potere della Creatività. Alla Galleria Roma di Siracusa, incontro sul tema della meditazione creativa, a cura dell’insegnante Emiliano Defrancesco.


Giovedì 31 marzo 2016 alle ore 18,30 presso la Galleria Roma in piazza San Giuseppe, 2, si terrà un incontro sul tema della meditazione creativa. L’incontro sarà condotto dall’insegnante Emiliano Defrancesco dell’Istituto Multifasico Internazionale che ha sede a Siracusa.
 
La nostra società occidentale è stata da sempre attratta dalle pratiche orientali di Yoga e meditazionee oggi sempre più persone si avvicinano alla meditazione creativa per cercare di migliorare la qualità della loro vita. Sono in tanti a frequentare corsi, leggere libri e a partecipare a conferenze. Ma su quali principi si basa e cos’è realmente la meditazione creativa? Risponderà a queste domande l’insegnante della particolare materia Emiliano Defrancesco, accreditato presso la sede siracusana dell’Istituto Multifasico Internazionale, una istituzione no-profit indipendente, dedicata allo studio ed alla diffusione della Meditazione creativa attraverso l’uso della “metodologia multifasica”. Fondata nel 2006 dal siracusano Giuseppe Cascio, L’I.M.I. è oggi l’organizzazione più autorevole nella specifica materia, ha la sua sede a Siracusa da dove opera in tutta Italia, organizzando corsi, seminari ed eventi formativi per lo sviluppo della crescita personale, attraverso dei programmi di lavoro finalizzati al benessere psicofisico della persona e utili al raggiungimento degli obiettivi individuali.
L’insegnante Defrancesco nel corso della serata guiderà i partecipanti attraverso alcuni esercizi elementari di meditazione e pertanto sarà bene indossare per l’occasione abiti piuttosto comodi.
L’ingresso è libero 

GalleriaRoma
Piazza San Giuseppe, Siracusa 

Allo SPAZIO LAVIT di Varese, la mostra fotografica “BURN MY SHADOW“ di Giacomo Vanetti.

Inaugura sabato 2 aprile 2016 alle 17.30 la mostra di GIACOMO VANETTI “BURN MY SHADOW“ allo SPAZIO LAVIT di VIA UBERTI, 42 a VARESE

L’esposizione rientra nel programma del Festival Fotografico Europeo 2016.

“La fotografia di Giacomo Vanetti scandaglia i tratti di una corporeità che è messa in discussione del concetto stesso di unitarietà organica. Dove confina l'epidermide umana? Gli organi conservano ancora una forma di organizzazione interna oppure é la gola a sentire e il ventre a fiutare? L'ossessione per un corpo essenzialmente calato nella contemporaneità, che non é mai in condizione di "essere", ma sempre di "divenire", dà vita a una ripetizione differente che coglie e ricoglie un'anatomia fatta di gesti rubati, pose silenziose. L'amore manifesto per le declinazioni che la tecnica fotografica anche nella sua radice analogica rende possibile, é controcanto formale all'individuazione di scene che esprimono la loro complessità sin dalla prima resa in immagine, senza essere necessariamente sottoposte a rielaborazione digitale. I soggetti vengono taLvolta filmati e rifotografati dall'artista stesso, in un gioco di rimandi metalinguistici che innesta reazioni inattese. La "piega", la sbavatura, l'errore sono parte integrante di una manifestazione figurale che trascende ogni possibilità mimetica, e che esibisce senza pudore un'eccedenza oscura: il "retropensiero" del desiderio”. Testo di Camilla Martinelli

Giacomo Vanetti nasce a Varese nel 1974. Dopo il Liceo scientifico si iscrive alla facoltà di Disegno Industriale del Politecnico di Milano dove si Laurea in Grafica e Comunicazione Visiva nel 2001. Durante la carriera universitaria ha l’opportunità grazie ad una borsa di studio di frequentare l’Accademia di Belle Arti di Granada dove, oltre a diplomarsi in litografia, segue con successo corsi di fotografia, serigrafia e incisione. Dopo La Laurea, e dopo una collaborazione con il Politecnico di Milano come Cultore della Materia Fotografica e un periodo di lavoro come assistente fotografo di architettura, frequenta l’Istituto Italiano di Fotografia, sempre di Milano, collaborando come tecnico di studio. Si diploma in Fotografia nel 2004. L’interesse per la sperimentazione sui mezzi e linguaggi fotografici ha sempre caratterizzato la sua ricerca portandolo ad utilizzare differenti tecniche di lavoro sia analogiche che digitali. Pur dedicandosi con passione anche alla fotografia di reportage e commerciale il copro del suo lavoro indaga principalmente la figura umana e il medium fotografico. Ha tenuto mostre personali e collettive in Italia e in Europa e le sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private.
Vive e lavora a Varese.

L’esposizione è realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Parentesi e ha il Patrocinio del Comune e della Provincia di Varese
Aperta fino al 16 APRILE 2016
ORARI DI VISITA:
DAL MARTEDI AL SABATO DALLE 17 ALLE 19,30